• Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Attività Progetti in corso
Progetti in corso

Progetto lavoro accessorio

E-mail Stampa PDF

L’Associazione Culturale e Sociale Italo-Romena “Ovidio” Onlus di Chieri a partire da lunedì prossimo 23 gennaio mette a disposizione cinque corsi gratuiti rivolti a tutti i cittadini chieresi e non che sono interessati: corso di italiano base, italiano avanzato, romeno per adulti, romeno per bambini (in una fascia di età compresa tra gli 8 ed i 13 anni), corso pratico per l’utilizzo del pc. 

Tutte le lezioni saranno condotte da personale qualificato che ha superato l’esame di una commissione valutativa e soprattutto tutti i corsi saranno gratuiti. Ogni corso è costituito da 34 lezioni (4 ore alla settimana divise in due lezioni da due ore ciascuna) e si svolgeranno presso la sede operativa dell’Associazione, ovvero nel complesso “San Filippo” nell’isola pedonale di Chieri in via Vittorio Emanuele II n.63 al primo piano (stanza 107). Sono aperte le iscrizioni, quindi tutte le persone interessate possono contattare per avere informazioni direttamente l’Associazione al numero 3487103799 oppure allo 0119423206. Tutte le informazioni sono reperibili anche su facebook alla pagina dell’Associazione.

Tutto questo è possibile grazie ad un progetto che è stato presentato in risposta del bando comunale “Reciproca solidarietà e lavoro accessorio” finanziato dalla Compagnia di San Paolo. La finalità del progetto è duplice: da una parte dare la possibilità a persone in determinate situazioni economiche lavorative e di reddito di poter lavorare beneficiando delle coperture previdenziali ed assicurative (quindi con versamenti di contributi validi anche ai fini pensionistici), e dall’altra di offrire servizi e prestazioni che abbiano un impatto sociale per la comunità e che abbiano al centro il “senso d’appartenenza e partecipazione alla cura della città e dei suoi cittadini”. Rientrano nel progetto quindi tematiche di tipo ambientale, di cura dei luoghi del territorio, di educazione civica e culturale e attività a carattere solidale e di aggregazione sociale.

E’ stato un altro modo per mettere l’Associazione Ovidio di Chieri al servizio della città e delle comunità che vivono, a cominciare da quella romena” afferma il Presidente dell’Associazione Ovidio Maria Boroianu che aggiunge: “Pensiamo che imparare l’italiano per i romeni sia di fondamentale importanza favorire un sempre più completo inserimento della comunità nella vita economica e sociale della città, mentre imparare il romeno da parte degli italiani dimostrerebbe la curiosità nei confronti di persone che oggi rappresentano circa il 7% della popolazione residente”. Inoltre il corso di romeno per bambini permetterà a tutti di imparare questa lingua, e soprattutto permetterà ai bambini figli di romeni o di coppie miste di imparare a scrivere correttamente nella loro lingua perché in molti casi si tratta di ragazzi che parlano abbastanza correttamente in casa ma che non hanno la possibilità di esercitarsi nella scrittura. Il corso di pc permetterà di imparare ad utilizzare in modo pratico il pc ed alcuni programmi applicativi, oltre che l’utilizzo di Internet e della posta elettronica.

Sempre nell’ambito dello stesso progetto è prevista l’implementazione di un sito dell’Associazione che avrà una sezione dedicata a fornire informazioni di diversa natura per gli stranieri, in collaborazione con i servizi offerti dal comune in tal senso: informazioni di carattere legislativo, legate alla richiesta di cittadinanza, problematiche relative alla casa, ecc….

Si tratta di una delle prime iniziative di quest’anno rivolte alla città ed alla sensibilizzazioni su problemi che necessitano di informazioni e soluzioni” precisa Maria Boroianu che aggiunge: “stiamo organizzando in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sociali tre incontri che si svolgeranno nei diversi quartieri di Chieri con maggiore densità di stranieri residenti per dare informazioni legate al problema della sicurezza in casa chiarendo quali sono le normative, ed anche i diritti ed i doveri che regolano il rapporto tra inquilini in affitto e proprietari”


Scarica documento in pdf. 


Ultimo aggiornamento Sabato 19 Maggio 2012 08:28
 



Sondaggi

Quale gruppo di musica romena vorreste avere a Torino?